UNA SERIE DI SERIE TV

UNA SERIE DI SERIE TV
Dicevo appunto che di
solito non guardo le serie TV. Più che altro perché so di essere incostante e non arrivare mai alla fine. 

La metafora della mia vita relazionale.

Ho visto fino alle fine Prison Break
e 24 ma solo per far contento il mio ex-ex fidanzato. Il 90% delle volte erano meglio della melatonina e della valeriana prese insieme – de gustibus miei – quindi non posso dire di averle viste veramente per
intero. Mi annoiavano, ma andavo avanti per inerzia. Partecipavo, ma per finta.

Kiefer Sutherland, l’agente Jack Bauer in 24




Gossip Girl, Scrubs, How I met your mother, Big Bang Theory
e Californication le ho adorate ma mai terminate. Piacevoli, divertenti, brevi storielle senza impegno che ti fanno sorridere, non ti creano problemi, se ci sono bene, se non ci sono un po’ ti dispiace ma life goes on, ce ne saranno altre.


Gilmore Girls e
Sex and The City sono le uniche serie TV con cui ho avuto una relazione stabile e sono arrivata fino alla fine,
le rivedrei mille volte ancora. Come le storie serie e mature, si arriva al capolinea consapevolmente, col sorriso sulle labbra e la serena certezza che la parola “fine” doveva esserci, ad un certo punto. E si accetta senza problemi.

E poi ho seguito assiduamente Dexter, la mia serie TV preferita in assoluto, l’amore vero, quello con la A maiuscola. Ma non ho mai visto l’ultima stagione, e non ho idea di come finisca. Avevo paura di affrontare l’epilogo, e ho preferito stoppare prima, mentre mi rendevo conto che le cose cominciavano a non funzionare. Mi sentivo pronta per farla finita prima che il tutto potesse degenerare. A volte, se la fine la decidi tu invece del regista, ti illudi che possa fare meno male, ma passi il resto dei giorni a chiederti come sarebbe andata a finire se quello STOP non lo avessi premuto.
E così puoi passare tutta la vita a chiederti “E se…?”. O provare a premere di nuovo PLAY.

Dexter Morgan, intepretato da Micheal C. Hall

Sarà che il divano sta
lentamente diventando il luogo in cui mi sento più a mio agio, sarà
che devo giustificare un abbonamento a Netflix, ho ricominciato ad
interessarmi alle serie TV, e pure con un discreto slancio. Forse sto cercando l’anima gemella, quella vera. 
Esiste una serie TV avvincente, coinvolgente, con un plot interessante, colpi di scena al punto giusto, una bella dose di romanticismo mista ad avventura, personaggi onesti, ma soprattutto… SENZA UNA FINE?

Ma basta metafore, ecco le serie TV che sto guardando
attualmente e che consiglio caldamente anche a voi:

1. The Night Of
Molto cupa e ansiogena ma con tocchi esilaranti, è ambientata a New
York, parla di un bravo e tenerissimo ragazzo pakistano, Nasir – meravigliosi occhi neri – accusato dell’omicidio di una fanciulla senza
avere alcuna effettiva colpa. Uno splendido John Turturro interpreta il suo avvocato
difensore.

Perché
vederla?

Turturro è un avvocato sui generis, va in
giro con i sandali perchè ha l’eczema ai piedi. Aggiunge una verve scanzonata alla vicenda.

Riz Ahmed e John Turturro nei panni di Nasir e John Stone

2. This is Us – Parla
delle vicende di 4 persone, tutte molto diverse tra loro, sia
sotto il profilo fisico che psicologico, ma con una cosa in comune:
la data di nascita. Le loro vite si incrociano e sovrappongono tra
presente e passato. Per ora si raccontano più che altro le paturnie esistenziali, ma attendo fiduciosa che succeda qualcosa,  visto che tutti ne parlano come la serie TV rivelazione dell’anno.


Perché
vederla?

Milo
Ventimiglia
e non dico altro.

Rebecca e Jack Pearson, alias Mandy Moore e Milo Ventimiglia

3. DivorceSerie TV  leggerina con Sarah Jessica Parker che fa la moglie infelice di un
uomo che sembra dirle costantemente “schiaffeggiami”. Il telefilm
– si dice ancora telefilm?! – narra la relazione
conflittuale di questi due individui che sembrano non c’entrare
assolutamente nulla l’uno con l’altro.


Perché
vederla?

Perché
Sarah Jessica Parker sveste i panni della modaiola e si veste in
maniera normale, persino anonima. E poi fa sempre piacere ritrovare Carrie, che è
sempre Carrie, e sempre sarà Carrie.

Sarah Jessica Parker e Thomas Haden Church, i coniugi Dufresne

4. The Affair – Mi
piace tutto di questa serie TV, dagli attori alla sigla, dalle location al livello
di coinvolgimento. Lui, Noah, è uno scrittore sposato con 4
marmocchi. Si innamora di Alison, a sua volta sposata e in
conflitto con la vita. La relazione tra i due, apparentemente innocua, porterà una serie di sconvolgimenti notevoli nella vita di tutte le malcapitate persone che gli ruotano attorno. Il risultato è che non sai mai di chi prendere le difese, e chi incolpare.

Perché
vederla?

Joshua
Jackson
(cornuto, ahimè) e non dico altro. 

Ruth Wilson, Alison, e Dominic West, Noah

5. The Crown – Inghilterra, Londra, anni Cinquanta, la Regina Elisabetta. Questa serie Netflix racconta la storia della super Regina dagli esordi del Regno ai giorni nostri.

Perchè vederla?
Perchè parla di un mito vivente. Una donna che comanda, e un marito che un po’ je rode. Poi è costata 100 milioni di sterline, e si vede. 

Cast al completo. Al centro, Claire Foy e Matt Smith, la regina Elizabeth e il consorte Philip.

6.Stranger Things – Avete presente quegli uomini che non c’entrano niente con voi e da cui vi sentite inspiegabilmente attratte, tanto che alla fine cedete e alle sue lusinghe e scoprite che in fondo i vostri pregiudizi vi avevano ingannato? Ecco cos’è questa serie TV per me: una scoperta. In una città in cui i poliziotti si grattano la panza dalla mattina alla sera, un ragazzino di nome Will scompare in circostanze misteriose. Gli amici cominciano ad indagare per scoprire cosa è accaduto, grazie anche ad Eleven (Millie Bobby Brown, ve ne parlavo qui), una strana bambina venuta da non si sa dove, con poteri paranormali.

Perchè vederla?
Vi farà pensare a E.T. e Stand By Me, vi innamorerete di Eleven, rivedrete finalmente Wynona Ryder, non riuscirete ad aspettare per vedere la puntata successiva.

Calen McLaughlin, Gaten Matarazzo, Finn Wolfhard e Millie Bobby Brown, nella serie Lucas, Dustin, Mike e Eleven

Bacibaci

MLG


Related Posts

OSCAR 2016, LEONARDO DI CAPRIO IS THE CHAMPION

OSCAR 2016, LEONARDO DI CAPRIO IS THE CHAMPION

Nessun altro argomento meriterebbe di essere affrontato quando si parla di Oscar 2016, figuriamoci gli abiti delle attrici, perchè tutto passa in secondo piano di fronte al meraviglioso Leonardo Di Caprio che alla fine ce l’ha fatta.  Molti si chiedono come mai io ed altri […]

STRANGER GIRL: MILLIE BOBBY BROWN

STRANGER GIRL: MILLIE BOBBY BROWN

Non amo particolarmente le serie TV – nel senso che non riesco a seguire con costanza – non guardo film di fantascienza, mi stanno antipatici i bimbi-divi. Quindi verrebbe da chiedersi come mai abbia cominciato a guardare – ed apprezzare – Strager Things, una serie […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *